• Mele e noci

    01/02/2017 - Mele e noci

    Una ricetta tratta dal blog di cucina, illustrazione e pittura di Roberta Cadorin. Roberta è un'illustratrice bellunese che ama comunicare anche con la cucina.

    Come leggiamo nella sua pagina:

    "architetto per formazione, grafico en passant per curiosità, illustratrice e pittrice per istinto, mamma per magica fortuna, macrobiotica per convinzione, pasticciona disordinata per vocazione"…

    Ecco un dessert da leccarsi i baffi anche in versione vegana!

    Chi conosce questo blog già lo sa, ma per coloro che giungono qui per la prima volta e leggono una ricetta, per di più dopo tanto tempo che non ne pubblico, forse è opportuno ribadirlo.
    Qui non ci sono ricette classiche, né costruite al milligrammo. Sono solo idee per cucinare e poi fare di testa propria con quello che avete in casa. Niente di più né di meno di ciò che faccio io nella mia cucina.
    Questo dessert è nato esattamente così. Mentre mi preparavo il trolley per ripartire di nuovo per un paio di giorni (eccitata all'idea di un progetto che sogno da tempo e mi regala profonde emozioni ma che è prematuro anticipare ora), ho ricordato cosa avevo in frigo e, siccome da queste parti stasera arriva San Nicolò, desideravo che ci concedessimo una cenetta con una coccola in più.

    A chiamarlo tiramisù con le mele e le noci, qualcuno potrebbe inorridire.
    Non ci sono neppure uova né mascarpone (e può essere realizzato, volendo, in versione interamente vegan), ma concediamoci di citare lo storico dessert per rendere l'idea, perché il procedimento di assemblaggio è decisamente simile e mentre lo creavo sinceramente mi ci sono ispirata.
    Da queste parti mi verrebbe da chiamarlo "Pón e nós".

    INGREDIENTI per tre porzioni:

    • due tre mele gialle dolci e mature, sbucciate e tagliate a dadini
    • un cucchiaino di cannella
    • ricotta (o silk tofu, quello cremoso) 200 gr
    • malto di riso (o zucchero o quello che vi va per dolcificare, in dosi del tutto personali secondo il gusto)
    • mezzo cucchiaino di buccia di arancia non trattata (la mia polvere di zeste preparata in casa)
    • zenzero candito (o altri canditi di qualità a vostra scelta, ma effettivamente il piccantino dello zenzero ci sta un gran bene)
    • latte (io di riso o altro latte vegetale) un bicchiere
    • savoiardi 4 grandi (o altri biscotti secchi, in proporzione)
    • uvetta ammollata nel rum (facoltativa)
    • 6 noci sgusciate e tritate

     

    Preparazione:
    Cuocere le mele in un goccio d'acqua, coperte, con un po' di succo di limone perché non anneriscano e la cannella.
    Lasciar raffreddare.
    Frullare il tofu o la ricotta con il malto (o il dolcificante scelto, q.b.) e la buccia di arancia. Se necessario a rendere la crema più morbida, aggiungere un goccio di latte. Unire lo zenzero candito a cubetti.
    Unire le uvette, strizzate, qualora le vogliate usare e non ci siano bambini (per la presenza del rum).
    In bicchierini monoporzione versare sul fondo un cucchiaio di crema. 
    Bagnare un savoiardo, tagliato in due pezzi, nel latte di riso freddo e posarlo sopra la crema.
    Coprire con le mele cotte, spolverare di cannella e noci tritate.
    Mettere un altro mezzo savoiardo e coprire con la crema restante.
    Decorare con un po' di purea di mele, qualche noce e spolverare di cannella.
    Se gradito, versare un goccio di succo di mela concentrato o di sciroppo di acero.
    Lasciare riposare almeno 2-3 ore in frigorifero, ma non servire freddo.

    Fonte: cobrizoperla.blogspot.it